22/2/2016 “Facciamo il punto sulla Grecia”

Report dell’incontro organizzato dall’Associazione IRENE il 22 febbraio 2016 presso l’ ex Chiesetta del parco Trotter

Presentazione_IRENE_8    10529487_943530822436290_325832442_n

Interventi:
Makis Tsitsos, presidente dell’Associazione
Evangelos Efthimiadis , Margarita Margariti, Maria Kokkali ed Eleni Rizopoulou, medici dell’Ambulatorio Sociale KIA di Salonicco
Argiris Panagopoulos, giornalista del quotidiano greco Avghì
Gigi Malabarba per la Ri-Maflow di Trezzano
Ilaria Zambon, responsabile turismo dell’Associazione

PRESENTAZIONE DELL’ASSOCIAZIONE  IRENE

Il progetto “Non facciamo affondare la Grecia” a cui aderiscono gas Città Studi, gas del Sole, gas Lambrate, gas Lola, gas del Parco, gas Martesana, Gas&luce,  gas Filo di Paglia e gas Pane e Rose,  nasce nell’aprile del 2015 per sostenere  gli ambulatori sociali solidali di Atene,  Salonicco,  Rethimno e Chania, ai quali spedisce in media più di un pacco di medicinali al mese raccolti da case, farmacie ed ambulatori, invia denaro attraverso il fondo di solidarietà e,  grazie ad importanti sinergie con SMOM e COOPSELIOS,  fornisce farmaci e materiale odontoiatrico.

Per poter ampliare la rete di aiuti e trovare maggiori opportunità di collaborazione con enti e associazioni, il progetto diventa Associazione di Promozione Sociale IRENE nel gennaio 2016. L’adesione è individuale. Si possono associare tutte le persone che offrono il loro aiuto e condividono lo statuto pubblicato sul sito.

La raccolta di farmaci continua come prima, sia a cura dei gas che partecipano al progetto, sia da parte di tutti coloro che nei luoghi di lavoro e nelle scuole vogliono creare un punto di raccolta.

LA SANITA’ PUBBLICA IN GRECIA

Nel febbraio 2011 tre milioni di persone, greci o migranti che sono senza lavoro, perdono il diritto all’assistenza sanitaria nazionale.
In cinque anni la sanità pubblica viene smantellata, vengono chiusi la metà degli ospedali, i medici del Sistema Sanitario Nazionale passano da 52.000 che erano nel 2009 ai 25.000 del 2015.

Oggi in Grecia viene destinato alla salute il 4% della spesa pubblica, la percentuale più bassa di tutta Europa.
Durante gli anni dell’austerità l’aspettativa di vita in Grecia è diminuita di 3 anni.
Il 40% delle persone a cui vengono prescritti farmaci non assumono tutta la cura o escludono il farmaco più caro per mancanza di denaro. Le vaccinazioni dei bambini rimangono spesso incomplete.

Il decreto recentemente votato in parlamento per restituire il diritto alla sanità pubblica a 2.500.000 cittadini richiede uno sforzo economico immenso, sproporzionato alle attuali condizioni di difficoltà del paese, soprattutto per il ripristino delle strutture smantellate. E’ un processo che si protrarrà per molti anni.

IL KIA DI SALONICCO
http://www.kiathess.gr/gr/

sala d'aspetto1

Fondato nel novembre 2011 come  struttura sanitaria di base,  offre gratuitamente aiuto a tutti gli abitanti della città che non hanno un’ assicurazione sanitaria, senza distinzione: non richiede infatti documenti ma soltanto nome e numero di telefono per poter comunicare coi pazienti.

Il KIA nasce come organismo autonomo, autogestito, basato  sui principi della democrazia diretta, indipendente anche economicamente dallo stato, dal mercato, dai partiti, dalla chiesa.

Effettua 15.000 visite all’anno. Vi collaborano 250/300 volontari solidali, sanitari e non, senza nessun compenso.
Le ore di apertura sono da lunedì a venerdì dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 21 (22,23….dipende!)
I turni sono organizzati separatamente per ogni comparto dell’ambulatorio e corrispondono in media a 2  presenze al mese per ogni volontario.

Le specialità presenti sono: medicina generale, patologia, odontoiatria, psicologia e psichiatria, psicoterapia, pediatria, otorinolaringoiatria, ortopedia, dermatologia, ostetricia, infermieristica, farmacia e assistenza sociale.

odontoiatria      Patologia

ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

I Comparti organizzativi sono 5: Patologia, Odontoiatria, Psichiatria e psicoterapia, Farmacia, Segreteria. Ogni comparto svolge separatamente le sue riunioni per organizzare il lavoro e per preparare i temi da portare all’assemblea generale.

Esiste anche una Rete di Sostegno Esterna composta da:
medici privati , che coprono tutte le specialità mediche e gli esami di laboratorio che non sono previsti nell’ambulatorio sociale.
medici ospedalieri che soccorrono i pazienti che hanno bisogno di cure ospedaliere
e ospedalizzano i casi urgenti.
farmacie solidali, che raccolgono farmaci donati dai cittadini. A Salonicco 1.000 farmacie su 3.500 partecipano alla raccolta.
rete panellenica del KIFA – Ambulatori Medico Farmaceutici di Solidarietà (Circa 40 ambulatori in tutta la Grecia che lavorano con gli stessi criteri di base) con cui collaborare in caso di necessità

Le Commissioni: applicano le decisioni prese dall’assemblea generale e sono 3: gruppo rapporti con la stampa, gruppo eventi e manifestazioni, gruppo finanziario.

Le Squadre di lavoro:  si formano per rispondere a necessità particolari per esempio per la pulizia o per il volantinaggio

I Gruppi di  sudio: elaborano i temi emersi nella pratica  e li propongono alla discussione in assemblea generale. La condizione di totale indipendenza dalle strutture istituzionali ha creato le condizioni  per poter liberamente sperimentare nuove metodologie di cura.

  • Gruppo accoglienza pazienti : si occupa dell’accoglienza dei pazienti, li informa sulle attività, si preoccupa di creare un luogo accogliente e coinvolgente, che stimoli la loro collaborazione. Molti infatti collaborano oggi nelle attività dell’ambulatorio come volontari.
  • Gruppo dell’Altra Medicina – si occupa dei rapporti tra terapeuta e paziente, ha una posizione critica nei confronti della medicina tradizionale che tratta solamente una parte dell’individuo, considera i pazienti nella loro dimensione biologica, psicologica e sociale. Spesso infatti le visite sono effettuate da patologo e psicologo in compresenza.

Una modalità usata per i pazienti con malattie croniche (es. diabete) sono gli incontri periodici mensili tra ammalati  della stessa patologia, in cui si discute e ci si confronta col medico e con gli altri pazienti. Questa “terapia” ha dato risultati molto soddisfacenti verificabili anche dalle analisi, decisamente migliori di quelle dei non partecipanti alle sedute.

IL KIA NEL SOCIALE

Il KIA è parte attiva del movimento che lotta per la salute pubblica e gratuita per tutti, ha carattere antifascista e antirazzista ed è sempre presente nelle manifestazioni dei movimenti cittadini.
Il suo principio di base è la collaborazione orizzontale e senza intermediari tra associazioni e movimenti.

Collabora con:
Il movimento  contro le miniere per l’estrazione d’oro nella Penisola Calcidica
Il movimento contro la privatizzazione dell’acqua.
Il festival antirazzista di Salonicco  del quale è coorganizzatore

Manda le sue squadre di medici a Lesbo e a Idomeni per portare un primo aiuto ai migranti .

Sostiene e collabora con la fabbrica occupata della Bio.Me, dove nel dicembre del 2015 ha creato un ambulatorio sociale per i lavoratori e gli abitanti del quartiere  di Pilea, che lavora con gli stessi principi del KIA e contribuisce alla prevenzione e terapia delle malattie del lavoro.

RETE INTERNAZIONALE

Esiste una grande rete di associazioni e movimenti in tutti i paesi d’Europa che è solidale con il KIA e offre aiuti economici  e materiali  (ad esempio il sindacato austriaco OGB che offre annualmente grossi aiuti economici)

Il Kia è in relazione con: il Centro Salute Vidri  del comune di Parigi, i collettivi berlinesi che stanno cercando di creare un ambulatorio per i rifugiati, la Cooperativa Integral Catalana che sta  costruendo una rete di ambulatori sociali in Catalogna, la SMOM, che rifornisce il KIA di materiale odontoiatrico.

COLLABORAZIONE TRA BIO.ME  E  RI-MAFLOW
http://biom-metal.blogspot.it/
http://www.rimaflow.it/

Sta crescendo spontaneamente una solidarietà tra le fabbriche recuperate e autogestite: la Ri-maflow di Trezzano, la Bio.Me di Salonicco, la Fralib di Marsiglia, le Officine Zero di Roma.

La solidarietà si esprime attraverso la condivisione e il confronto tra le differenti esperienze (Ri-maflow si recò in delegazione alla Bio-Me due anni fa) e attraverso la diffusione e la vendita dei loro prodotti, che portano in sé un forte messaggio politico e rappresentano l’unica garanzia di crescita e sopravvivenza per queste realtà.

Ri-Maflow e FuoriMercato,  piattaforma logistica per i gas,  stanno inserendo i saponi e i detersivi della Bio.Me nella loro offerta solidale. I prodotti saranno disponibili nelle prossime setimane. Per avere informazioni sui prodotti e procedere agli ordini i responsabili di ciascun gas possono accedere al portale registrandosi:  http://www.fuorimercato.com/new/privato/12-gas/28-istruzioni-per-i-gas

VIAGGI SOLIDALI

In collaborazione con operatori turistici professionali l’Associazione si propone di organizzare viaggi solidali ad Atene, Salonicco e Creta ed offrire l’opportunità di visitare, oltre all’enorme patrimonio storico e archeologico,  anche i luoghi della solidarietà,  allo scopo di creare relazioni più dirette ed allargate tra i suoi sostenitori e le strutture solidali in Grecia.

Il primo viaggio sarà diretto a Salonicco: https://nonfacciamoaffondarelagrecia.wordpress.com/turismo-solidale-grecia/viaggio-solidale-a-salonicco/